lunedì 4 luglio 2016

SAGA - seconda partita

Ieri la seconda partita a SAGA anche questa volta uno scenario cooperativo (e dimostrativo), vichinghi (x2) vs. irlandesi e normanni, 4 punti per warband e i vichinghi potevano scambiarsi i dadi ordine, obiettivo: eliminare più avversari possibile, semplice.
Abbiamo giocato al Games Invasion a Empoli dove siamo stati benissimo, siamo arrivati in tarda mattinata, prima di pranzo tra le solite chiacchere e ragguagli sui nuovi acquisti e su quello che vorremmo acquistare (malattia comune a tutti), abbiamo preparato il tavolo, poi dopo pranzo: dadi!


Il tavolo preparato.
Lato vichingo Marco e io, lato alleati: irlandese-Simone e Roberto, normanno-Alberto
La mia lista
A differenza di Marco (nella foto sotto) io ho scelto una unità di arcieri (leve) al posto dei berserker... ancora non li uso bene, poi gli arcieri sul fianco a me hanno sempre fatto comodo, specie quando e se mi tocca contrastare un allegro contingente di cavalleria.

Schieramenti effetuati e come volevasi dimostrare... ecco i gioviali cavalieri normanni al lato pronti per schiacciarci nella tenaglia coi balestrieri e le riserve al centro.

Muovo subito male, avrei dovuto prima tirare e poi con una fatica extra mettermi al sicuro nel bosco, ma ancora non so giocare quindi faccio solo la mossa "difensiva", non è che cambiava la partita ma: "se puoi fare qualche danno, fallo!" (antico detto vichingo)

Non facciamo in tempo a finire il secondo turno che il mio lato perde momentamente il comandante capace (causa motivi familiari), lasciando tutto in mano mia! E senza ordini su cosa fare coi suoi pezzi. Mo' che faccio? Pensa che ti ripensa... poi decido per il classico: SCONTRO FRONTALE!

Grosso errore, almeno grosso errore verso le linee irlandesi che tirano fuori dalle loro tuniche i peggio trucchi, anche le "donne nascoste nei cespugli che tirano pietre e patate!" (così scritto nelle regole)
Patate? Prima del 1500 in Irlanda?  "Che vuoi che ci facciano" Dice un vichingo colto - che conosce la storia dell'orticultura - "non ci sono le patate", no quelle no non c'erano ma i sassi sì!
Subiremo tutti i turni almeno un paio di danni.

Passano i turni e il fianco destro vichingo si assottiglia un po' troppo, per colpa della mia carica precipitosa, degli sporchi trucchi iralndesi, ma anche non dimentichiamolo di San Dado (o forse c'èra S. Patrizio da Guiness) che le poche volte che mi gira giusta, lo fa anche agli irlandesi, vedi foto dei dadi contrapposti, dove io perdo un'unità di HG, mentre già pregustavo la rotta dei guerrieri celtici (l'abilità loki era già segnata sulla battleboard).
D'altro canto o meglio dall'altro lato reggo. Piano piano i cavalieri sono eliminati, assorbo i vari tiri ed una seconda carica (sempre contro le shieldmaiden... come la volta scorsa sempre contro normanni) che picchia ma non sfonda.
Torna nel frattempo l'altro capo vichingo ma è tardi per salvare la partita, si cerca di eliminare più pezzi possibili, ma ne abbiamo persi troppi e la giornata non sarà nostra. Ci saranno anche un paio di epici scontri tra warlord vichingo e irlandese e indovinate chi  userà ancora degli sporchi trucchi?







Giocatori da sx: Alberto, Max, io, Roberto.
Marco si vede nella foto dello schiramento ad inizio articolo... chi manca?
L'infido irlandese Simone che se la rideva già dal primo turno!

Grazie a tutti, assolutamente da rifare quanto prima.

Nessun commento:

Posta un commento